ATTENZIONE! La pagina non è pubblica, perciò è visibile solo da un amministratore.

#DIVENTAARBITRO:
pronti al fischio d'inizio!

a cura di
Housefootball
Housefootball
07/01/2022

Al via la campagna di recruiting a cura di AIA, LND e Housefootball contro la crisi di vocazioni che sta colpendo le fila dei direttori di gara

Partite di campionato senza guardalinee, ex arbitri di serie A e B che tornano in attività per dirigere gare dei settori giovanili, "giornate" spalmate su un'intera settimana per garantire la presenza di un "fischietto" in campo: la mancanza dei direttori di gara sta diventando un problema sempre più diffuso, in particolare nelle competizioni dilettantistiche e giovanili.

Una "crisi di vocazioni" che sta vedendo concretizzarsi diversi interventi: dall'abbassamento del limite di età per vestire la casacca del direttore di gara alla possibilità del "doppio tesseramento" che consentirà a giocatori di poter acquisire anche il tesserino da arbitro.

In questo contesto, Housefootball ha scelto di scendere in campo insieme alla LND e all'AIA per una grande campagna di recruiting: l'hashtag #DIVENTAARBITRO ci accompagnerà nei prossimi mesi con video, interviste, testimonianze e contenuti che racconteranno cosa si nasconde dietro il taccuino del direttore di gara. Una grande alchimia fatta di passione, preparazione, determinazione, allenamento, e condivisione.

La sfida è lanciata: hai la stoffa per diventare un arbitro?


Ti potrebbe interessare

25° World Tournament “Manlio Selis”, parata di stelle

25° World Tournament “Manlio Selis”, parata di stelle

Luca Toni, Marino Bartoletti e Alessandro Buongiorno sono solo alcuni dei protagonisti che hanno partecipato alla presentazione del 25° torneo internazionale “Manlio Selis” Le Coq Sportif Cup riservato alla categoria under 13. Avvenuta al Grand Hotel Poltu Quatu, l'edizione prevede tante novità. Scopriamole insieme
Il calcio è uno sport asimmetrico?

Il calcio è uno sport asimmetrico?

"Nel calcio si allena solo la parte inferiore": vero o falso? In realtà, in campo e nella corsa lavora tanto anche la parte superiore del corpo. Ma per tanti genitori il dubbio dell'adeguatezza del football alla crescita dei bambini resta. Ne parliamo con, Arrigo Giombini del Dipartimento di Scienze Motorie Umane e della Salute dell’Università di Roma “Foro Italico”.
Come prevenire gli infortuni sul campo

Come prevenire gli infortuni sul campo

Se è vero che il 56% degli infortuni avviene durante le partite e non nel corso degli allenamenti, è altresì vero che grazie alla prevenzione si può ridurre di circa il 50% il rischio di subire una lesione muscolare e di circa l’85% quello di subire una ricaduta. Ne parliamo con il professor Piero Volpi, medico responsabile dell’Inter

Iscriviti subito, per te esclusivi vantaggi dei nostri partner