ATTENZIONE! La pagina non è pubblica, perciò è visibile solo da un amministratore.

Come prevenire gli infortuni sul campo

a cura di
Irma D'Aria
Collaboratrice
Irma D'Aria
22/04/2022

Se è vero che il 56% degli infortuni avviene durante le partite e non nel corso degli allenamenti, è altresì vero che grazie alla prevenzione si può ridurre di circa il 50% il rischio di subire una lesione muscolare e di circa l’85% quello di subire una ricaduta. Ne parliamo con il professor Piero Volpi, medico responsabile dell’Inter

Secondo alcuni dati, il 56% degli infortuni avviene durante le partite e non nel corso degli allenamenti. Questo è comprensibile perché in gara c’è maggiore intensità di gioco e quindi maggiore stress su muscoli e articolazioni e poi i contrasti di gioco sono più esasperati di quelli che avvengono in un allenamento tra compagni di squadra. Si può fare prevenzione? Sembrerebbe di sì: alcune ricerche scientifiche dimostrano che un corretto programma di prevenzione può ridurre di circa il 50% il rischio di subire una lesione muscolare e di circa l’85% il rischio di subire una ricaduta. Lo spiega il professor Piero Volpi, medico responsabile dell’Inter e dell’Unità Operativa di Ortopedia del Ginocchio e Traumatologia dello Sport di Humanitas.


Ti potrebbe interessare

25° World Tournament “Manlio Selis”, parata di stelle

25° World Tournament “Manlio Selis”, parata di stelle

Luca Toni, Marino Bartoletti e Alessandro Buongiorno sono solo alcuni dei protagonisti che hanno partecipato alla presentazione del 25° torneo internazionale “Manlio Selis” Le Coq Sportif Cup riservato alla categoria under 13. Avvenuta al Grand Hotel Poltu Quatu, l'edizione prevede tante novità. Scopriamole insieme
Il calcio è uno sport asimmetrico?

Il calcio è uno sport asimmetrico?

"Nel calcio si allena solo la parte inferiore": vero o falso? In realtà, in campo e nella corsa lavora tanto anche la parte superiore del corpo. Ma per tanti genitori il dubbio dell'adeguatezza del football alla crescita dei bambini resta. Ne parliamo con, Arrigo Giombini del Dipartimento di Scienze Motorie Umane e della Salute dell’Università di Roma “Foro Italico”.

Iscriviti subito, per te esclusivi vantaggi dei nostri partner