ATTENZIONE! La pagina non è pubblica, perciò è visibile solo da un amministratore.

Cristiano Ronaldo, un'arma letale

Football Analyst
Marco Giustini
23/10/2021

Cristiano Ronaldo è il calciatore che ha collezionato più presenze (182) e più gol (115) nella storia con la maglia di una Nazionale europea, quella del Portogallo. Con l'aiuto di Kama Sport abbiamo preso in esame due fondamentali tecnici che lo hanno reso uno dei più grandi di sempre: il dribbling e il tiro

C’era una volta CR7. Oggi lo abbiamo ancora oppure è tornato ad essere Cristiano Ronaldo? Il 5 volte pallone d’oro è ancora nell’elite del calcio mondiale od ormai si può considerare un giocatore “normale”? Analizziamo insieme alcune caratteristiche grazie ai video di Kama Sport relativi agli Europei da poco conclusi.

CR7, unico giocatore ad aver vinto nello stesso anno Champions League, Europeo, Mondiale per club e Pallone d’oro, non solo è il giocatore con più presenze in una Nazionale europea (182, naturalmente con la maglia del Portogallo) ma anche il giocatore che ha segnato più gol in una Nazionale europea (115). I record personali e le statistiche che emergono analizzando la carriera del fuoriclasse portoghese hanno già riempito blog e trasmissioni, la nostra analisi vuole soffermarsi sul Cristiano Ronaldo di oggi mettendo sotto la lente di ingrandimento due delle sue caratteristiche principali per capire se è ancora quell’automa che lo ha reso uno dei giocatori più iconici (e forti) di sempre.

CLIP 1 - CR7 E IL DRIBBLING

Il primo elemento preso in considerazione è il dribbling. Qualità fondamentale per ogni giocatore offensivo, il dribbling racchiude in se equilibrio, accelerazione, potenza fisica e qualità nel dominio della palla. Spettacolare quando avviene nei pressi dell’area di rigore avversaria, con l’evoluzione del calcio, la capacità di saltare l’avversario o guadagnare un calcio di punizione ha reso questo gesto importante in tutte le zone di campo. Prendendo in considerazione le partite disputate nel corso dell’Europeo con la maglia del Portogallo notiamo la capacità di CR7 di puntare l’avversario, di spostare il pallone, di unire combinazioni con i compagni con giocate individuali che dimostrano la piena consapevolezza e conoscenza del gioco e ancora qualità atletiche fondamentali.

CLIP 2 - CR7 E IL TIRO

Il gol è l’essenza del calcio, ciò che regala emozioni e fa alzare i tifosi dai seggiolini, il filo conduttore che fa abbracciare tutti sugli spalti. Il secondo elemento che abbiamo preso in considerazione è il tiro, il calciare la palla, fondamentale tecnico che dà il nome a questo splendido sport. Infinite le associazioni tra questo gesto tecnico e CR7: dalle punizioni ai rigori, passando per i colpi di testa fino alla notizia di pochi mesi fa di uno steward mandato ko da un suo tiro, Cristiano Ronaldo è uno dei calciatori che effettua più tiri in porta nel panorama mondiale. Non a caso nel corso dell’Europeo che abbiamo preso in considerazione CR7 ha disputato solo 4 partite ma alla fine è risultato il capocannoniere con 5 gol. Quindi CR7 c’era oppure c’è ancora? Noi crediamo non sia importante dare una risposta a questa domanda ma continuare a godersi questo immenso campione. 


Ti potrebbe interessare

25° World Tournament “Manlio Selis”, parata di stelle

25° World Tournament “Manlio Selis”, parata di stelle

Luca Toni, Marino Bartoletti e Alessandro Buongiorno sono solo alcuni dei protagonisti che hanno partecipato alla presentazione del 25° torneo internazionale “Manlio Selis” Le Coq Sportif Cup riservato alla categoria under 13. Avvenuta al Grand Hotel Poltu Quatu, l'edizione prevede tante novità. Scopriamole insieme
Il calcio è uno sport asimmetrico?

Il calcio è uno sport asimmetrico?

"Nel calcio si allena solo la parte inferiore": vero o falso? In realtà, in campo e nella corsa lavora tanto anche la parte superiore del corpo. Ma per tanti genitori il dubbio dell'adeguatezza del football alla crescita dei bambini resta. Ne parliamo con, Arrigo Giombini del Dipartimento di Scienze Motorie Umane e della Salute dell’Università di Roma “Foro Italico”.
Come prevenire gli infortuni sul campo

Come prevenire gli infortuni sul campo

Se è vero che il 56% degli infortuni avviene durante le partite e non nel corso degli allenamenti, è altresì vero che grazie alla prevenzione si può ridurre di circa il 50% il rischio di subire una lesione muscolare e di circa l’85% quello di subire una ricaduta. Ne parliamo con il professor Piero Volpi, medico responsabile dell’Inter

Iscriviti subito, per te esclusivi vantaggi dei nostri partner