ATTENZIONE! La pagina non è pubblica, perciò è visibile solo da un amministratore.

Molto più di un gioco: il calcio fa bene a tutte le età

a cura di
Irma D'Aria
Collaboratrice
Irma D'Aria
19/11/2021

Il calcio, sia agonistico che amatoriale, può migliorare la nostra salute. Partendo da uno  studio scientifico pubblicato sul Journal of Sports Medicine, parliamo con il dottor Carlo Gargiulo dei benefici che l'allenamento calcistico può apportare a tutti i livelli sulle persone: aerobico, muscolare e metabolico

Aumenta la capacità aerobica, riduce la massa grassa e il colesterolo LDL, potenzia l'apparato muscolare e le articolazioni. Sono tutti i benefici del calcio secondo quanto emerge da uno studio scientifico pubblicato sul Journal of Sports Medicine che dimostra come l’allenamento calcistico, in qualsiasi forma venga praticato, da quella agonistica a quella amatoriale “tra amici”, abbia un effetto protettivo ad ampio spettro a livello cardiovascolare, metabolico e muscolo-scheletrico. Il dottor Carlo Gargiulo, medico di famiglia, spiega cosa fa del calcio uno sport con tutti questi benefici.


Ti potrebbe interessare

25° World Tournament “Manlio Selis”, parata di stelle

25° World Tournament “Manlio Selis”, parata di stelle

Luca Toni, Marino Bartoletti e Alessandro Buongiorno sono solo alcuni dei protagonisti che hanno partecipato alla presentazione del 25° torneo internazionale “Manlio Selis” Le Coq Sportif Cup riservato alla categoria under 13. Avvenuta al Grand Hotel Poltu Quatu, l'edizione prevede tante novità. Scopriamole insieme
Il calcio è uno sport asimmetrico?

Il calcio è uno sport asimmetrico?

"Nel calcio si allena solo la parte inferiore": vero o falso? In realtà, in campo e nella corsa lavora tanto anche la parte superiore del corpo. Ma per tanti genitori il dubbio dell'adeguatezza del football alla crescita dei bambini resta. Ne parliamo con, Arrigo Giombini del Dipartimento di Scienze Motorie Umane e della Salute dell’Università di Roma “Foro Italico”.
Come prevenire gli infortuni sul campo

Come prevenire gli infortuni sul campo

Se è vero che il 56% degli infortuni avviene durante le partite e non nel corso degli allenamenti, è altresì vero che grazie alla prevenzione si può ridurre di circa il 50% il rischio di subire una lesione muscolare e di circa l’85% quello di subire una ricaduta. Ne parliamo con il professor Piero Volpi, medico responsabile dell’Inter

Iscriviti subito, per te esclusivi vantaggi dei nostri partner