ATTENZIONE! La pagina non è pubblica, perciò è visibile solo da un amministratore.

Overtraining: occhio ai segnali di stress!

Allenatore
Claudio Frasca
09/11/2021

Quando si pianificano le attività di allenamento occorre tenere conto sia dei ritmi biologici dei nostri atleti (soprattutto il ciclo luce-buio) che monitorare i segnali dei diversi tipi di stress che potrebbero condurre rapidamente all’overtraining che determina un calo delle performance invece che un aumento.

Previsione, orientamento, organizzazione, periodizzazione, somministrazione di carichi, volume e intensità sono i pilastri alla base dell’allenamento sportivo: li possiamo considerare i parametri ai quali rivolgono le attenzioni le Scuole di Formazione e sui quali vertono studi e ricerche in ambito Performance. Tanto insomma, ma non tutto. Esiste qualcos’altro: mi riferisco alla cosiddetta Noosfera (per citare uno dei massimi esperti in Mental Coaching, il Dr. Beppe Vercelli). La Noosfera rappresenta tutto ciò che non è controllabile: quel “qualcosa” dell’ambiente che non sappiamo di dover sapere, legato al momento, alla percezione individuale su dove siamo e cosa stiamo facendo.

 

I ritmi biologici

Ed è proprio su questi aspetti che vogliamo concentrarci, focalizzandoci sul mondo di chi è alle prese con sbalzi, cambiamenti, adattamenti, condizionamenti, come succede nel mondo sportivo, dove un giorno non è mai uguale all’altro e che, nella corrente nomenclatura, vengono definiti Ritmi Circadiani.

I ritmi biologici, compresi i ritmi relativi al sonno ed alla veglia, all’umore e alle performance cognitive e fisiche, sono sincronizzati con l’Orologio Biologico (Ritmo Circadiano). I segnali esterni (come i cicli Buio- Luce e le Interazioni sociali) esercitano un’influenza su tali ritmi: avvisano le persone dei cambiamenti nella probabilità di possibili ricompense o minacce dall’ambiente, le stesse che l’uomo moderno ha ereditato dalla prima comparsa sulla terra nella quale era impegnato di giorno nell’attacco da “predatore” (Fight) o nella fuga da “preda (Flight)”. In natura, infatti, si hanno maggiori probabilità di trovare cibo e riparo durante il giorno e meno probabilità di rilevare i predatori durante la notte, il che significa che la veglia tende ad essere più fruttuosa durante il giorno e il sonno è l’attività più sicura per la notte. Il Ciclo Buio-Luce, quindi, rappresenta il più importante regolatore del nostro ritmo biologico, il cosiddetto “master clock”, il temporizzatore endogeno, dal quale dipendono tutti i Clock Secondari capaci di regolare la produzione di Energia e la Performance Cognitiva e Sportiva.

 

Allenamento e stress: attenzione ai segnali!

Quando parliamo di carichi e della loro somministrazione, rappresentati dalle modalità di allenamento sulle qualità condizionali e condizionabili, dovremmo tenere ben presente questo concetto se vogliamo che il nostro lavoro sia rivolto alla salute. L’impatto sul Nostro fisico di una sessione di training con la luce o con il buio, così come l’alimentazione o qualsiasi altra forma di stress esogeno, hanno un riscontro e determinano un carico interno completamente differente.

Tabella 1 - Segni e sintomi dello stress

Chi controlla questi meccanismi è il sistema nervoso autonomo e le sue fasi diurne e notturne sono influenzate e “assediate” dall’attivazione dello Stress System legato ai pensieri, alle emozioni, al rimugino di situazioni vissute (nel nostro caso una performance sportiva), e soprattutto dai carichi che si somministrano in particolari condizioni.

Saper riconoscere i segnali dello stress e i cambiamenti in un loop negativo degli atleti rappresenta la nuova frontiera alla quale rivolgere le nostre attenzioni e sui quali gli studi clinici si susseguono in ogni ambito sociale e sportivo. Vi invito a utilizzare la Tabella 1 riportata poco sopra come metro di valutazione prima di incorrere in quello che viene chiamato overtraining ossia quella condizione dove il nostro corpo non riesce più a reggere i carichi dello stress e, attaccato da più parti, diminuisce le sue performances. Prestateci attenzione quando lavorate sui vostri atleti e atlete o su voi stessi: prevenire è sempre meglio che curare!

 


Ti potrebbe interessare

Postura, un lavoro di squadra

Postura, un lavoro di squadra

L’analisi del capolavoro architettonico rappresentato dal piede ha introdotto il tema del controllo posturale, ambito in cui intervengono diversi parametri oltre all’impronta podalica. Andiamo alla scoperta degli effetti di denti, occhi e pelle sulla postura dell'atleta.
Il campo sotto il piede

Il campo sotto il piede

Il piede è molte cose: il nostro punto di appoggio, la parte terminale della catena cinetica che realizza il mantenimento della statica dell’equilibrio, del cammino, della corsa, ma anche lo strumento fondamentale per raccogliere le informazioni che provengono dall’esterno e dall’interno del corpo (tattili, propriocettive e cinestetiche). In sintesi si tratta di una struttura essenziale e con diverse funzioni cruciali.
Personalità in campo: l’enneagramma nel calcio

Personalità in campo: l’enneagramma nel calcio

In campo siamo "critici" o "donatori"? "narcisisti" o "avari"? E se un giocatore fosse un "goloso"? Non parliamo di cibo ma di personalità e del modo di gestire al meglio i talenti e le caratteristiche di ognuno imparando a leggerne il modo di essere, dentro e fuori dal campo. A venirci in aiuto è l'enneagramma, un metodo nato oltre un secolo fa e che oggi è sempre più applicato anche al calcio.

Iscriviti subito, per te esclusivi vantaggi dei nostri partner