ATTENZIONE! La pagina non è pubblica, perciò è visibile solo da un amministratore.

Emilio De Leo, il sorriso di chi sa sognare

a cura di
Housefootball
Housefootball
07/03/2022

Nato a Cava de’ Tirreni il 18 gennaio 1978, è riuscito a farsi spazio nel mondo del calcio partendo dai dilettanti, come tecnico dell’Aquilotto Cavese, per poi entrare nello staff di Mihajlovic sulle panchine di Samp, Milan, Torino e infine Bologna. Merito delle partite analizzate su Youtube e di Fausto Salsano, suo concittadino. Ma anche e soprattutto della sua capacità di saper sognare

La storia di Emilio De Leo è davvero particolare, quasi unica. Parla di un giovane ambizioso, oggi 44enne, che dopo una breve carriera da calciatore interrotta a causa di un brutto infortunio è riuscito, con caparbietà e un pizzico di fortuna, a rientrare nel calcio professionistico dalla porta di servizio grazie alle sue grandi capacità analitiche. Assistente tecnico di Mihajlovic al Bologna, con il quale lavora dall'ormai lontano 2012, dopo tante esperienze “dietro le quinte” oggi si sentirebbe anche pronto per un'avventura da primo allenatore. De Leo ce lo ha rivelato in questa lunga, intensa intervista: in fondo nessuno, meglio di lui, sa che sognare non costa nulla.


Ti potrebbe interessare

Un minuto di Serie D Finale di stagione/2

Un minuto di Serie D Finale di stagione/2

Siamo agli sgoccioli di questa lunga stagione di Serie D ed è tempo di ultimi verdetti. Quasi tutto definito nei vari raggruppamenti; manca infatti soltanto la post season del gruppo G, che ha disputato l’ultimo turno mercoledì. Intanto proseguono anche le sfide per decretare il supercampione di questo campionato d’Italia.
L’Airone Caracciolo vola dal campo alla scrivania

L’Airone Caracciolo vola dal campo alla scrivania

Dopo aver contribuito a riportare il Lumezzane in Serie D, l’attaccante classe 1981 ha deciso di appendere le scarpe al chiodo. Il suo futuro sarà comunque nel club lombardo come direttore sportivo. Bandiera del Brescia, di cui è il miglior marcatore della storia e secondo nel numero di presenze, è anche uno dei pochi giocatori ad aver giocato con entrambe le squadre di Genova

Iscriviti subito, per te esclusivi vantaggi dei nostri partner