ATTENZIONE! La pagina non è pubblica, perciò è visibile solo da un amministratore.

Un minuto di Serie D
Finale di stagione/2

Collaboratore
Pierandrea Usai
31/05/2022

Siamo agli sgoccioli di questa lunga stagione di Serie D ed è tempo di ultimi verdetti. Quasi tutto definito nei vari raggruppamenti; manca infatti soltanto la post season del gruppo G, che ha disputato l’ultimo turno mercoledì. Intanto proseguono anche le sfide per decretare il supercampione di questo campionato d’Italia.

Andiamo con ordine e torniamo a mercoledì scorso, quando si è giocato l’ultimo turno della regular season nel girone G, l’unico “in ritardo” rispetto agli altri. Le prime posizioni erano già definite, mentre infuriava la lotta per evitare la retrocessione. Al termine degli ultimi 90’ minuti il colpaccio è firmato dal Carbonia, che batte il Gladiator 3-2 e scavalca in un sol colpo Latte Dolce e Lanusei, che retrocedono in Eccellenza. I sardi, guidati da Suazo, si guadagnano lo spareggio contro il Formia, che fungerà da semifinale per arrivare al play-out contro l’Atletico Uri; direttamente salvo il Cassino. I play-off vedranno sfidarsi: Team Nuova Florida-Afragolese e Torres-Arzachena. I rossoblù sassaresi sono attesi anche dalla finale di Coppa Italia Serie D, mercoledì, contro il Follonica Gavorrano.

Clicca qui sotto per ascoltare
il podcast di questa settimana

 

In tutti gli altri gruppi abbiamo invece i verdetti definitivi: minimo comune denominatore nei play-off è stata l’affermazione di squadre in trasferta, che avevano l’obbligo di vincere per avere la meglio della squadra meglio piazzata.

La prima squadra di questa lista è il Varese, che dopo aver eliminato a domicilio il Casale, espugna anche Sanremo, con un gol di Minaj - non la cantante rap americana - al minuto 87’. Nel gruppo B ancora più netta l’affermazione della Casatese, che vince 4-1 a Legnano. L’Union Clodiense, dopo aver perso la Serie C al 90’ dell’ultima partita, riesce a fare suoi i play-off; basta l’1-1 dopo i tempi supplementari contro l’Adriese. Altro colpo esterno arriva dal gruppo D, con la finale che vedeva opposte Ravenna e Lentigione, autrici di un ottimo campionato, insieme al Rimini. Grande vittoria della compagine parmigiana (Sorbolo Mezzani per la precisione), grazie ai gol di Esposito al 88’ e Sala al 93’ (0-2). Nello stesso gruppo in programma anche lo spareggio salvezza, con il pareggio che ha premiato la Bagnolese, ai danni del Sasso Marconi.

La finale play-off del gruppo E sorride al Poggibonsi, che ha la meglio sul Follonica Gavorrano per 4-2; decisiva la tripletta del centravanti Vieri Regoli, magari in onore di Bobo, altro bomber mica male. Grande colpo in trasferta da parte della Sambenedettese, che vince 1-2 in casa del Trastevere, dopo aver eliminato anche il Tolentino fuori casa. La squadra marchigiana chiude alla grande una stagione iniziata male, ma cambiata completamente dall’arrivo del nuovo tecnico Alfonsi, e si candida come una delle potenziali favorite in caso di eventuali ripescaggi. Evitano la retrocessione l’Alma Juventus Fano (1-1 che condanna il Castelfidardo) e il Vastogirardi, 2-0 al Castelnuovo Vomano.

Nel girone H basta un gol al Francavilla per battere il Bitonto e assicurarsi la vittoria nella post season. Si salvano Lavello e Nardò, che battono nettamente e condannano Rotonda e Fc San Giorgio all’Eccellenza. In chiusura il gruppo I; la finale play-off tra Cavese e Acireale ha premiato i padroni di casa, vincenti per 2-0 grazie a Allegretti e Konè. Retrocede invece il Rende, cui non basta lo 0-0 in casa del Castrovillari, che può festeggiare la permanenza in Serie D.

Entra nel vivo anche la poule scudetto: nel mini gruppo A esce vincitore il Sangiuliano City, che ha vinto 1-0 al Piola di Novara nella sfida decisiva tra le due formazioni che avevano vinto la prima giornata contro l’Arzignano. Nel mini girone B è maturato un pareggio nella seconda giornata tra San Donato Tavarnelle e Rimini, che regala il match point alla Recanatase, cui basterà un pareggio mercoledì contro la formazione romagnola. Nel girone C è andata in scena ieri la prima partita, con il Giugliano che ha avuto la meglio sull’Audace Cerignola con il risultato di 3-1.

(per la foto si ringrazia la pagina Facebook ufficiale dell'US Poggibonsi)


Ti potrebbe interessare

L’Airone Caracciolo vola dal campo alla scrivania

L’Airone Caracciolo vola dal campo alla scrivania

Dopo aver contribuito a riportare il Lumezzane in Serie D, l’attaccante classe 1981 ha deciso di appendere le scarpe al chiodo. Il suo futuro sarà comunque nel club lombardo come direttore sportivo. Bandiera del Brescia, di cui è il miglior marcatore della storia e secondo nel numero di presenze, è anche uno dei pochi giocatori ad aver giocato con entrambe le squadre di Genova
Gabriele Cioffi, mister resilienza

Gabriele Cioffi, mister resilienza

Da calciatore ha iniziato dal basso e ed è arrivato in Serie A a 31 anni nonostante tanti infortuni. Da allenatore ha fatto lo stesso, girovagando in tutto il mondo prima di cogliere al volo l'occasione arrivata grazie all'Udinese. Benvenuti nel mondo di “Cioffiducia”

Iscriviti subito, per te esclusivi vantaggi dei nostri partner