ATTENZIONE! La pagina non è pubblica, perciò è visibile solo da un amministratore.

Un minuto di Serie D
Dodicesima giornata - PODCAST

Collaboratore
Pierandrea Usai
23/11/2021

Giornata ricca di big match e di squadre che si sbloccano, quella appena disputata sui campi della Serie D. Andiamo a scoprire che sorprese ci ha riservato questo turno, il 12° per i gironi a 20 squadre e il 10° per quelli a 18, e alcune statistiche interessanti.

 

Dopo il lungo inseguimento di questo inizio di campionato nel Girone A è finalmente arrivato il sorpasso del Novara che vince 1-2 in rimonta, in casa della Caronnese, e scavalca il Chieri, fermato sul pareggio in casa del Vado (Quo Vadis?). Vince anche il Casale che aggancia il secondo posto a quota 24, a meno uno dal Novara. Nelle retrovie, invece, importante vittoria del Saluzzo che batte e scavalca il Fossano lasciando l’ultimo posto. L’Asti si conferma pareggiatrice seriale, sette su 12 giornate.

Clicca sotto per ascoltare
il podcast della dodicesima giornata

 

Nel gruppo B allunga l’Arconatese, grazie al 4-1 ottenuto in casa del Vis Nova; ora sono quattro le lunghezze su San Giuliano City e Desenzano. Il Legnano fa Bingo in casa del Brusaporto, grazie al gol del 2001 Jose Marco Bingo e sale al quinto posto. In assenza di Ciro Immobile, l’hat trick di giornata porta la firma di Ciro De Angelis, che trascina lo Sporting Franciacorta al 3-3 sul campo della Folgore Caratese. Prima vittoria sul campo, dopo una a tavolino, per il Real Calepina che vince 0-3 il derby bergamasco contro la Virtus Ciserano.

Nel gruppo C prova a scappare via l’Arzignano Valchiampo, ancora vincente, 3-1 contro l’FC Spinea; sono cinque i punti di vantaggio sul terzetto all’inseguimento: Adriese, Luparense e Union Clodiense, ancora imbattuta ma con 5 vittorie e 5 pareggi. Le ultime sei perdono tutte, quindi resta invariata la lotta salvezza.

Proseguiamo con il gruppo D che vede il Rimini soffrire ma passare in quel di Lodi, contro il Fanfulla (1-2) e mantenere il vantaggio di tre lunghezze sul Lentigione, che espugna il campo del Borgo San Donnino, nel derby parmense  chiuso sullo 0-3. Non svolta, infine, l’Athletic Carpi, 0-0 in casa della Correggese.

Il girone E ci ha regalato, invece, un doppio big match, che però ha lasciato inalterata la classifica; sia Arezzo-San Donato che Follonica Gavorrano-Poggibonsi terminano in parità. A godere è soprattutto il miglior attacco del torneo, quello del San Donato, che acciuffa il pari al 90’ e mantiene quattro punti sul Follonica, prima inseguitrice. L’Unipomezia fa registrare la tanto attesa prima vittoria della stagione, 3-2 contro il Flaminia Civitacastellana, ma per il momento non basta ad abbandonare l’ultimo posto. Importante e netta affermazione del Foligno, che batte 4-0 e scavalca la Pro Livorno 1919 Sorgenti.

Nel girone F nessuna novità in testa, visto che vincono le prime tre: Trastevere, Atletico Terme Fiuggi e Recanatese. Spettacolo nella sfida di metà classifica tra Notaresco e Castelnuovo Vomano, terminata 3-3. A proposito di squadre che si sbloccano, non è questo il caso di Sambenedettese e Aurora Alto Casertano. La Samb, che la scorsa stagione si giocava i play-off in Serie C, si trova ora al terz’ultimo posto. Per la compagine casertana invece altra domenica senza gol, e altra sconfitta (0-2 contro l’Alma Juventus Fano). Sono 450’ i minuti trascorsi dall’ultima realizzazione. Per una squadra casertana che piange (anche se della provincia) c’è la Casertana che esulta: big match televisivo contro il Bitonto portato a casa e sorpasso effettuato, grazie al 2-1. Gli ospiti neroverdi scivolano addirittura al quarto posto, in un colpo solo, perché Francavilla e Audace Cerignola continuano a vincere. Fragoroso crollo della Nocerina, 6-1 sul campo del Fasano che probabilmente pensava di disputare la finale delle Atp Finals di Torino di tennis; non male il debutto del nuovo tecnico Ciro Danucci, tra i padroni di casa.

Tranquilli, non ci siamo dimenticati del gruppo G: l’abbiamo saltato momentaneamente per un collegamento intuitivo tra le squadre casertane. In questo caso, la notizia è la mancata vittoria del Giugliano, fermato nello scontro diretto dall’Aprilia, che ha acciuffato il pareggio al minuto 96’ su calcio di rigore, dopo essere rimasta in dieci. Finisce dopo nove giornate la serie vincente del Giugliano e da oggi non c’è più nessuna squadra a punteggio pieno in Serie D. Approfitta dello scontro diretto il Team Nuova Florida, che scavalca l’Aprilia e si porta a meno quattro. Bene anche la Torres, ora quarta a sei punti dalla vetta. Terza vittoria di fila del Lanusei, che sembra aver innestato la quinta, visto che prima di questo trittico non aveva mai vinto. Si sblocca anche il Real Monterotondo Scalo, primo successo grazie al 3-0 all’Atletico Uri.

Nel gruppo I non conosce sosta la marcia della Gelbison, che trova la sesta vittoria di fila, superando nel big match la Cavese a tempo scaduto. Non è da meno il Lamezia Terme, quinta vittoria consecutiva e secondo posto confermato a meno quattro dalla vetta. Il girone delle strisce di vittorie è completato da quella del Santa Maria Cilento, anche in questo caso cinque, che guadagna una posizione salendo al quinto posto. Finisce invece l’imbattibilità dell’Acireale, sconfitto 3-1 a Licata.

Chiudiamo come al solito con l’aggiornamento della classifica marcatori. Dardan Vuthaj si conferma macchina da gol, anche se ieri ha fallito un calcio di rigore, andando a segno per la decima giornata consecutiva (Lewandowski chi?); ha mancato la rete solo alla seconda giornata contro il Borgosesia, complimenti alla squadra vercellese. Il nostro albanese volante sale quindi a quota 15, mentre Russo del San Donato sembra avere le polveri bagnate e resta a quota 11.

 (per le foto si ringrazia l'ufficio stampa dell'Arzignano Valchiampo)

Ti potrebbe interessare

Ballardini-Walker: due figli d'arte al prezzo di uno

Ballardini-Walker: due figli d'arte al prezzo di uno

Erik Amedeo Ballardini e Lewis Walker sono in forza all’Athletic Carpi, in Serie D: li abbiamo raggiunti per farci raccontare i trascorsi con i rispettivi padri, l'allenatore Davide e l'ex difensore della Nazionale inglese Des, con i quali ci sono più somiglianze che differenze. A partire dalla luce della Lanterna…

Iscriviti subito, per te esclusivi vantaggi dei nostri partner